giovedì 12 marzo 2015

Sempre di corsa / Always running


Ogni giorno mi alzo e so che quando uscirò da Port Authority (il terminal degli autobus di New York, di fronte al New York Times) dovrò iniziare a correre.

- o -

Every morning I wake up and I know that when I will leave Port Authority ( the bus terminal of New York)  I must run.

Ogni giorno mi alzo e so che quando uscirò da Port Authority (il terminal degli autobus di New York, di fronte al New York Times) dovrò iniziare a correre.
Ogni giorno un newyorkese si alza e sa che dovrà correre, per andare a lavoro, per procacciarsi il pranzo, per prendere in tempo la coincidenza della metro che dovrà combaciare con quella del treno. A sua volta uno straniero a New York, si alza, sapendo che dovrà correre, per evitare i newyorkesi che divorano i marciapiedi e attraversano la strada nel caos del traffico, impavidi e non curanti dei tassisti esauriti.
Un giorno, ho visto quasi-prendere-sotto una donna, mentre attraversava sulle strisce. Alcune persone le si sono avvicinate, me compresa, ma altre hanno semplicemente continuato il loro percorso indisturbati.
Ecco se c'è una cosa che ho imparato a New York, è che mentre attraversi la strada o tieni la testa bassa continuando a camminare decisa, o guardi dritto di fronte a te con sguardo a mo' di gladiatore e con ritmo incalzante. Altrimenti, fatti pure risucchiare dalla folla. Si, perché a volte sembra non ti vedano neanche e piuttosto ti scavalcherebbero, se potessero.
Ecco, sicuramente se c'è qualcosa che insegna New York, è il valore del tempo, a non sprecarlo.
Ma sarò sincera, sono più le volte che mi trovo a scuotere la testa, come a dire - sono pazzi! - piuttosto che vederne solo il lato positivo.

- o -

Every morning I wake up and I know that when I will leave Port Authority ( the bus terminal of New York)  I must run.
Every morning a new yorker wakes up, he knows he must run, to go to work, to seek out his lunch, to catch the subway connection, in time to take his train.
Every morning a visitor in New York, wakes up, he knows he must outrun the newyorkers that literally devour the sidewalk and jaywalk without any fear.
One day, I saw a woman that was nearly run over by a car...some people, including me, went next to her to ask if she was ok, but a lot of people just carried on walking.
If there is a thing that I learned in NY is how to behave on the sidewalk. First of all you have to act like you know where you are going, even if you do not have any idea. Then, you have two choices: or you look on the street without any eye contact, or you must look right in front of you as Russell Crowe in The Gladiator. If you fail, just let the crowd swallow you up.
So if there is a thing New York taught me, is the importance of time, especially not to waste it.
But I will be sincere...most of the time I shake my head thinking - they're crazy -, rather than just see the positive side.


“Every morning in Africa, a gazelle wakes up, it knows it must outrun the fastest lion or it will be killed. Every morning in Africa, a lion wakes up. It knows it must run faster than the slowest gazelle, or it will starve. It doesn't matter whether you're the lion or a gazelle-when the sun comes up, you'd better be running.”                                               Christopher McDougall


In una continua ricerca del bello...ho dovuto aggiungere qualche effetto qua e la! ;)
Constantly looking for beauty.. I just put some effect here and there! ;)






xoxo
Andrea


Nessun commento:

Posta un commento