venerdì 24 aprile 2015

Il ritorno - o - The Return


Sono tornata da New York e mi sembra che gli ultimi tre mesi facciano parte di un vuoto spazio-temporale difficile da descrivere.
Momenti di vita quotidiana là, assumono tutto un altro sapore, visti con un oceano di mezzo...andare a lezione sotto l'Empire, passeggiare a Central Park o fare una capatina a Brooklyn per respirare un po' d'arte. 
Diciamo che tutto si amplifica, se si vive in una zona che con la Grande Mela poco ci azzecca.
Beh, si abbiamo il World Trade Center...il Parco Ausa è pur sempre una zona verde...non avremo gli scoiattoli, ma vuoi mettere le papere? Per quanto riguarda Brooklyn, sinceramente non ho somiglianze da suggerire e questo mi mette non poca tristezza.
Chi voglio ingannare?
Nonostante il ritmo pazzo e frenetico... NYC mi mancherai.

- o -

I'm back home from NYC and it seems that my last three months are part of a black hole.
My routine there, looks more special with an ocean in between.  Going to class under the Empire State Building, walking in Central Park...going to Brooklyn to breathe a little bit of art.
Well, everything is amplified if your hometown has not so many resemblances with the big apple.
Yep, we have a World Trade Center...we have a green area called Parco Ausa ( I won't translate this because is too funny) we don't have squirrels but we have ducks! I cannot find a place full of art like Brooklyn and this makes me even more sad.
Who I want to make fool?
Despite the crazy and frantic way of life... NYC I will miss you.

L'ultimo tramonto dall' Highline... The last sunset from the Highline :(





xoxo
Andrea

2 commenti:

  1. ...and the Big Apple already miss you, Andrea!

    RispondiElimina
  2. ...and the Big Apple already miss you, Andrea!!!

    RispondiElimina